SpazioTennis

VETERANI, SCUDETTI REGIONALI PER JUNIOR 24 E TC CHIAIANO. LA FINALE DEL “CIAPA NO” SLITTA AL 22 GIUGNO

Battute conclusive per i campionati campani a squadre riservati ai veterani. Sui campi del TC Napoli la squadra dello Junior 24 cara al presidente Luigi Nevano conquista il terzo scudetto consecutivo nella categoria over 50. Nessuna sorpresa nel primo singolare in cui Aniello “Ciaccio” Ruocco fa valere la sua classe superando con un doppio 6/2 Scotti Galletta. Molto più equilibrata e avvincente la seconda partita: dopo tre set combattutissimi il maestro Ernesto Puricelli l’ha spuntata con lo score di 5/7 7/6 6/3 su Staiano. Inutile pertanto il doppio che senz’altro avrebbe visto protagonisti gli altri componenti della squadra Luciano Menicocci e Gaetano Ubaldo. Superfluo ricordare i trascorsi di giocatori come Ruocco, Puricelli, Staiano, per anni ai vertici della categoria B. La qualità della finale con il Napoli ha contribuito a divertire il folto pubblico presente. Nell’over 60 maschile a festeggiare è stato il TC Chiaiano, ma soltanto dopo il doppio di spareggio con il GT Sammaritano (che invece ha trionfato nell’over 65). Chiaiano avanti dopo la maratona vinta da D’Aquale su Faggiano per 6/7 6/4 6/4 mentre il punto del pareggio dei “gladiatori” è stato firmato da De Stefanis per 7/5 6/3 su Guido Guida. Il doppio decisivo non ha avuto storia dal momento che i napoletani del Chiaiano, con Olivares e Avena in campo, ha regolato la coppia Faggiano/De Stefanis con il punteggio di 6/0 6/4.

Continuano infine le contraddizioni risibili degli organizzatori/dirigenti in merito all’iniziale intenzione di consegnare gli scudetti al termine delle finali disputate. Era stata questa una delle motivazioni per le quali il Comitato Fit della Campania aveva partorito il girone a tre squadre nell’over 40 maschile, con match di finale successivo al girone stesso. Peccato che il Pastorano, dopo aver vinto per 2-0 sul proprio campo con i posillipini del Cabyria, per un regolamento partorito da qualche luminare si ritroverà sostanzialmente a rigiocare la stessa partita. Per questo i casertani hanno avanzato la proposta ironica di giocare l’eventuale bella a tressette, visto l’andamento claudicante di organizzatori e formule. Ad ogni modo, in totale coerenza con se stessi, i dirigenti campani hanno fatto sapere che non andranno il 22 giugno a Pastorano per premiare la squadra che sarà risultata vincitrice. Le premiazioni rimaste (dal momento che scudetti e coppe sono state consegnate regolarmente sui campi dove si è giocato finora) saranno posticipate al mese di settembre. Quelli del Pastorano che avevano preparato una grande accoglienza per i cultori del gioco delle carte si strapperanno i capelli. Come sempre la mano destra non sa cosa fa la sinistra.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *