SpazioTennis

SERIE C FEMMINILE, FINALE COL PATHOS AL VANNA: LO SCUDETTO E’ DEL FIREBALL

Storica impresa delle ragazze del Fireball, capaci dopo oltre otto ore di gioco di avere la meglio sulle bravissime portacolori del Caserta e laurearsi campionesse campane in serie C. Il Caserta, con Zanchetta, Aragosa e Zimbardi aveva chiuso i singolari in vantaggio. Di Federica Sacco il punto del Fireball. I doppi sono stati lunghi, incerti, estenuanti anche per il folto pubblico che ha gremito il Vanna del presidente Giancarlo Vigliotti. Le casertane Aragosa e Zanchetta hanno avuto anche due match point ma il primo doppio se lo sono aggiudicate Sacco e Ivana Esposito per 10-8 al tie break del terzo set. Pausa di un’ora e si è ripreso a giocare con le stesse identiche coppie il match di spareggio. 6/3 Caserta poi la rimonta del Fireball con il secondo parziale per 6/1. Sul 5/3 Caserta la situazione si è nuovamente capovolta, fino al 7-3 al tie break Fireball che ha laureato le indomite ragazze di Lino Sorrentino campionesse campane, uniche a centrare il pass per la fase nazionale. Ecco le emozioni del match point. Una giornata di rara intensità al Vanna, con due squadre che si sono affrontate in maniera fiera e nel pieno, costante rispetto delle avversarie. “E’ una gioia immensa vincere partite e titoli così – racconta a spaziotennis.it il maestro del Fireball Lino Sorrentino – soprattutto alla luce dei valori complessivi che alla vigilia vedevano favorite le ragazze del TC Caserta. Riuscirci poi in maniera così rocambolesca, quando tutto sembrava volgere al peggio ha reso perfino epica l’impresa”. Il Fireball è esempio di come si possano ottenere risultati con impegno e professionalità, sebbene la dotazione strutturale del circolo conti un solo campo. E’ da qui che è partito il fenomeno Sacco ed è qui che trascorre le sue giornate tennistiche la piccola e già rampante Francesca De Rosa. L’onore delle armi va alle ragazze e ai maestri del TC Caserta: l’amarezza è grandissima per aver sfiorato a più battute la vittoria ma l’impegno massimo e la qualità della prestazione contribuiranno a lenire la delusione. Di fatto al Vanna ha trionfato il tennis, quello vero. Peccato dover segnalare l’assenza dei membri del Comitato Campano FIT, quello defenestrato ma già pronto a ripresentarsi al voto per l’appuntamento elettorale del prossimo 6 maggio. 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *