SpazioTennis

ROLAND GARROS, FABIO FOGNINI: “LA NEXT GEN È UNA CAZZATA! SHAPOVALOV SUL LENGLEN MI FA RIDERE”

Che Fabio Fognini fosse uno senza peli sulla lingua, lo si sapeva già e le sue ultime dichiarazioni, arrivate dopo la vittoria contro il 22enne Elias Ymer nel secondo turno del Roland Garros, non fanno altro che confermarlo ulteriormente.

Di fatto, durante la sua più recente conferenza stampa parigina, il n.1 d’Italia ha mostrato tutto il suo dissenso verso l’«eccessiva attenzione» che negli ultimi due anni l’ATP ha riservato ai migliori Under 21 del circuito mondiale.

Ecco cosa ha avuto da dire il ligure riguardo i Next Gen:

Sull’avversario classe 1996 battuto la scorsa giornata: «Il ragazzino che oggi ha giocato con me può far bene, peccato gli manchi qualche lunedì o martedì».

Sulla Next Gen in generale: «È uscita ‘sta roba della Next Gen che secondo me è una cazzata! A me non piace tutta questa attenzione. Cioè, Rafa [Nadal, ndr] a 18 anni vinceva il Roland Garros, di cosa stiamo parlando?».

«Uno Shapovalov della situazione adesso sta migliorando, è 25 del mondo e quando vedi l’orario lo programmano sul Suzanne Lenglen, mentre Muguruza-Kuznetsova sul Campo 1 e allora ti viene da ridere».

«Che poi giocano bene e saranno il futuro lo spero per loro. Lo stanno già dimostrando, però c’è troppa attenzione. Giocano tutti già benissimo, ma hanno un’attenzione particolare con cui io non sono d’accordo, non sono favorevole a dargli tutta questa attenzione. Credo che se uno gioca bene ed è forte, poi l’attenzione se la prende anche se gioca sul campo 27 e vince 10-8 il primo turno. Ed è da lì che si deve passare e non dal primo turno sul Philippe Chatrier. Poi che facciano il torneo di Milano non mi interessa».

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *