SpazioTennis

QUANDO LA LOGICA DEL LAVORO PREVALE SULLA EFFIMERA PROPAGANDA…

Verrà un giorno, anche nel tennis campano, il momento in cui lavoro e meriti prevarranno sulla propaganda effimera che si propone come unica finalità il profitto economico. Rendendo slogan abusato da qualcuno la logica per la quale lo sport, pratica pubblica nell’esercizio delle norme federali, da tempo è divenuta dalle nostre parti esercizio privato per pochissimi. I risultati di Marigliano e Galietta al Lemon Bowl spingono fortemente verso la direzione opposta a quella reclamizzata con scarsi risultati da chi in Campania, pur gestendo un esercizio privato, determina direttamente classe maestri, composizione della classe arbitrale, composizione delle squadre giovanili regionali (conflitto d’interesse tra i più atroci…) e rispettivi capitani…nella più classica delle “macedonie” lautamente remunerate. I risultati ad ogni modo arrivano altrove. L’Atheneo di Paolo La Cava è uno di quei sodalizi che non ha mai smesso di credere che la programmazione intelligente, il rispetto dei valori e dello sport, l’educazione siano puntelli imprescindibili per raggiungere determinati risultati. E Antonio Marigliano esprime perfettamente l’immagine di un club che da anni raccoglie consensi, preferendo impegno e dedizione alla pubblicità di facciata. Discorso analogo è quello che in terra battipagliese portano avanti i maestri Mario Galietta e Paolo Bianchini. I risultati dell’Accademia Tennis Le Malche, associazione giovanissima, sono davvero impressionanti. In entrambi i casi ci sono a supporto delle guide tecniche due strutture polifunzionali in grado di rendere il tennis “giocabili” ogni giorno dell’anno e in qualsiasi condizione meteorologica. Il nuovo che avanza fa a sportellate con il vecchio sistema, maleodorante, fatto di chiacchiere, interessi e logiche che spessissimo calpestano i veri valori dello sport. Con la compiacenza di troppi che, ancora per paura, preferiscono il silenzio alla denuncia fragorosa, finanche nei casi di dolo accertato. Lode dunque ai modelli sani che oggi celebriamo: i sorrisi di Antonio e Claudia illuminano gli sforzi e le speranze di chi a buon motivo crede che non tutto sia perso.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *