SpazioTennis

OPEN AL TEAM BOSCATTO: ALLE 17,30 PIROZZI SFIDA L’ARGENTINO HERAS

L’appuntamento è per le 17,30, quando sul campo numero uno del Team Boscatto a Pianura si giocherà la finalissima per l’assegnazione del 12esimo trofeo intitolato alla memoria di Giovanni e Albino Boscatto. Un’edizione dall’alto contenuto tecnico, impreziosita dalla partecipazione dell’argentino Patricio Heras, 27enne in forza alla squadra del TC Vomero impegnata in serie A2 e attualmente numero 396 delle classifiche ATP (si spinse nel 2013 fino alla posizione numero 269). Heras, giustiziere in semifinale dell’ottimo Pasquale De Giorgio (2.5), se la vedrà con Giacomo Pirozzi, oggi 2.5 delle classifiche nazionali ma capace qualche anno fa di sfiorare l’accesso tra i migliori 1000 giocatori al mondo. Pirozzi, portacolori in serie C del TC Villaricca, giocherà la sua seconda finale consecutiva al Team Boscatto, dopo quella persa al tie break del terzo set lo scorso anno per mano di Enrico Fioravante. In semifinale non c’è stato niente da fare per il volitivo e sempre pericolosissimo Giuseppe Caparco (2.4), superato da Pirozzi con lo score di 6/3 7/6.

“Credo che sarà una bella finale – ha dichiarato a spaziotennis Patricio Heras – Pirozzi è un giocatore aggressivo, forte a rete e con buona sensibilità. Bisognerà giocare con grande attenzione e sbagliare il meno possibile”. Giornata da tour de force per Pirozzi, impegnato in mattinata nella trasferta di serie C al Poseidon di Torre del Greco: “Dovrò centellinare le energie perchè concedere vantaggi ad un giocatore esperto come Heras vorrebbe dire perdere in partenza. Ho buone sensazioni e spero di giocare un buon tennis nel circolo dove quotidianamente mi alleno”.

Soddisfatto della settimana tennistica Massimo Boscatto, ex campione della racchetta: gli oltre 100 iscritti costituiscono un buon attestato di stima, le vittorie del figlio Simone (contro il 2.8 Mario Conte e il 2.7 Evangelista) la ciliegina sulla torta.

Impeccabile la direzione arbitrale del torneo affidata al giudice federale Alessandro Sbordone.

Silver Mele

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *