SpazioTennis

NASTASE BANDITO DAL ROYAL BOX DI WIMBLEDON, LUI REPLICA: “MENTALITÀ RISTRETTE, TRATTANO I RUMENI COME DEFICIENTI”

Durante la consueta conferenza stampa primaverile, gli organizzatori dei Championships hanno reso noto che quest’anno Ilie Nastase non sarà ammesso all’interno del Royal Box.

La decisione è stata maturata a seguito della sospensione da parte dell’ITF nei riguardi dell’ex tennista e capitano di Fed Cup che qualche settimana fa, durante lo spareggio del Gruppo Mondiale II tra Romania e Gran Bretagna, aveva insultato pesantemente Johanna Konta, il resto del clan britannico, l’arbitro e persino Serena Williams.

“Le sue azioni non sono state delle migliori, e per questa ragione le condanniamo”, ha dichiarato il Presidente dell’All England Club, Philip Brook. Tuttavia, il direttore esecutivo Richard Lewis ha specificato che il diritto di Nastase ad acquistare un biglietto in qualità di semplice spettatore è legato esclusivamente alla volontà della Federazione Internazionale del Tennis (ITF) e non a Wimbledon stesso.

Nastase, venuto a conoscenza del ban, si è scagliato contro gli organizzatori dello Slam dichiarando:

Sono di mentalità ristretta. Se avessi fatto qualcosa di stupido a Wimbledon avrei compreso la decisione ma in questo caso non capisco. Se credono che sia normale negare ad un 71enne la possibilità di guardare delle partite allora è un loro problema. Vuol dire che noi rumeni siamo deficienti…altrimenti non capisco.

Oltre a Nastase, non potranno presenziare nel Royal Box: l’ex calciatore inglese Joey Barton ed il politico zimbabwese Robert Mugabe.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *