SpazioTennis

MACROAREA SUD AL TC 2002: ECCO I NUMERI CHE ESALTANO LA CAMPANIA

Il Circuito nazionale giovanile Fit Babolat 2017 ha aperto i battenti in Campania con la tappa del Macroarea Sud ospitata a Benevento dal TC 2002 del maestro Antonio Leone, vice presidente del comitato regionale FIT. Gli oltre 300 iscritti attestano la validità dell’evento che per la Campania ha raccontato di sei titoli vinti ed altrettante finali raggiunte sulle otto gare conclusive previste. Ecco di seguito il nostro resoconto:

UNDER 10 

Tra i maschietti vittoria del laziale Andrea De Marchi sul molisano Emanuele Papa con lo score di 6/2 6/3. Tra le femminucce ottima conferma per Francesca De Matteo (che vediamo in foto con il presidente della Federtennis Campania Giovanni Improta), già vincitrice del torneo di Bari e del Lemon Bowl: niente da fare per la laziale Galatea Ferro, arresasi con il punteggio di 6/1 6/4.

UNDER 12

Il 3.5 Mattia Salvatore ha conquistato agevolmente il titolo maschile superando Luciano Barbarino per 6/3 6/2. Dimostrazione di solidità per il ragazzo che si allena al TC Caserta, sotto la guida attenta dei maestri Tricarico.

Avvincente ed equilibrata fino alla fine si è rivelata la finale femminile tra Mariapia Vivenzio e Francesca De Rosa. La vittoria è andata alla Vivenzio con il punteggio di 1/6 7/5 6/2 ma una grossa nota di merito va alla De Rosa (che qui sotto vediamo in foto), presentatasi alla kermesse beneventana in condizioni tutt’altro che ottimali per la gastroenterite che ne ha ridotto le forze e condizionato il rendimento. L’allieva dell’Accademia è arrivata ad un passo dalla vittoria: le è mancato il colpo del ko sul 6/1 5/5. La Vivenzio conferma dal canto suo solidità e grande capacità di gestire i diversi momenti del match, destinata a crescere ulteriormente attraverso il lavoro mirato che da un paio d’anni continua a svolgere in Accademia.

UNDER 14

Raffaele Barba, alfiere del New Tennis di Torre del Greco avrebbe sperato una finale diversa, di certo più combattuta. L’allievo del maestro Ciro Cardone, dopo aver superato in semifinale Matteo Rodriguez si è invece arreso facilmente al lucano Mauro Caprioli. Sconfitta che non intacca la sua ottima settimana sannita.

Tra le femminucce bella affermazione per la battipagliese Giorgia Falcone che non ha lasciato scampo alla corregionale Alessandra Bullone, regolata per 6/3 6/1.

UNDER 16

Quanto è cresciuto il 3.3 Cristian Campese lo si è visto chiaramente a Benevento. Il ragazzo che si allena al New Margherita di Acerra con Enrico Fioravante (qui lo vediamo in foto con Antonio Di Gennaro) ha firmato la grande sorpresa del tabellone, sconfiggendo al terzo set di una bellissima semifinale il 2.8 Alberto Grimaldi. Forse anche svuotato di forze non è riuscito a ripetersi in finale contro il validissimo 3.2 Mauro De Maio, vincitore con il punteggio finale di 6/1 6/3.

E’ stato necessario il terzo set per decretare la vincitrice del titolo femminile under 16 tra le due 3.1 Lorenza Cuomo e Lucrezia Santamaria. Alla fine a spuntarla è stata la Cuomo (che vediamo in foto con i maestri dell’Accademia Tennis di Agnano) con il punteggio di 6/3 3/6 6/2.

E’ incominciata così per i giovani tennisti campani la corsa al Master del 4-8 ottobre prossimo. La tappa del TC 2002 ha assegnato al vincitore di ogni singola categoria 150 punti, finalista 130, semifinalisti 100, quarti 60 e ottavi 40. Ricordiamo che per prendere punti in classifica bisogna almeno giocare e vincere un match in tabellone. I primi cinque delle classifiche finali di Macroarea si qualificheranno al Master (dal 6° al 10° riserve).
Quest’anno, insieme al TC 2002, ci sarà come tradizione un secondo appuntamento in Campania. A fare l’ingresso in calendario è stato il Tennis Junior 24 di Napoli, quinta tappa (quella speciale a punteggio doppio), dall’8 al 17 settembre, decisiva per la qualificazione ai Master.

One Comment

  1. Rosy

    27 febbraio 2017 at 9:42

    Scusate ma il torneo è stato vinto dalla De Rosa? C’è qualcosa che non mi torna in questo articolo, neanche la foto. Forse chi ha scritto l’articolo è parente della De Rosa

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *