SpazioTennis

LA SETTIMANA PERFETTA DELLO JUNIOR 24: SCUDETTO OVER 50 E FINALE SUPER PER IL TROFEO DHS

Allo Junior 24 di Napoli è scoccata l’ora degli Open e dei tennisti di seconda, terza e quarta categoria, dopo i tanti appuntamenti giovanili che il club del delegato provinciale di Napoli Luigi Nevano ha organizzato, tra raduni e tornei del 2017. Superata quota 100 iscritti (l’elenco ufficiale della Fit è di 103), con un’ottima risposta di partecipazione in tutti i tre tornei propagandati: 39 nei quarta (con la fase finale a otto vinta da Agostino De Rosa 4.2), con i 45 nei terza (Iuculano, 3.3, conquistava la fase finale), con 19 seconda categoria. Il Trfoeo DHS Sistemi di sicurezza si è presentato così con alcuni dei migliori “seconda campani” al via: 1. Mastrelia 2.3; 2. Cozzolino 2.3; 3. Palmese 2.4; 4. Calvano 2.4. Pronistici rispettati, almeno per la finale, con il vesuviano Antonio Mastrelia che soffriva 2-6 7-5 6-4 prima di battere Giovanni Cozzolino, in uno dei match più belli della stagione Open in Campania. Emanuele Bastia, 2.6, era bravo ad arrivare fino alla semifinale (ko 6-2 e ritiro per infortunio), con lo “scalpo” di Giovanni Calvano, 2.4, negli ottavi (6-2 0-6 6-2). Nella parte bassa del tabellone Andrea Palmese confermava la sua testa di serie n.3 e lottava alla pari con Cozzolino, 6-4 3-6 6-4, in un altro bel match del torneo. Nei quarti Giacomo De Vita, Marco Zotti, lo junior Mauro De Maio e Fabrizio Rosini.

Dal resoconto agonistico ai meriti di Luigi Nevano, da rimarcare con forza, proprio come la dedizione dei due maestri federali Ernesto Puricelli e Marco De Siena. Instancabili nell’organizzazione di un’attività che prevede anche tanti momenti di svago e divertimento per coloro che semplicemente amano trascorrere al circolo qualche ora di tennis giocato. Ciliegina sulla torta in questa settimana dell’Open la conquista del titolo campano over 50. Eccola qui sotto in foto la compagine dello Junior 24 che ha dominato la manifestazione, composta da Ernesto Puricelli, Ciaccio Ruocco, Luciano Menicocci e Gaetano Ubaldo.

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *