SpazioTennis

LA GRANDE SERATA DEL VANNA: IL MEMORIAL VIGLIOTTI A COZZOLINO E LA CAVA

Non c’è da usare mezze misure ma l’unica certezza che il pomeriggio trascorso al Vanna per le finali del Memorial Gabriele Vigliotti è stato un vero e proprio successo per lo sport che amiamo alla follia. Appassionati, maestri, atleti hanno dato esempio di correttezza, dedizione massima, spirito di sacrificio e voglia matta di centrare la vittoria. Correndo alla morte dietro ogni palla. Alla fine a riuscirci sono stati Giovanni Cozzolino (2.3) e Antonella La Cava (2.6) ma l’onore delle armi spetta di diritto all’indomito, inesauribile Giuseppe Caparco (2.4) e alla tenacissima Chiara Lanzetta (3.2), alla prima finale in un Open. Quante emozioni nella serata del Vanna. Inizio in contemporanea, sui due campi attigui, purtroppo sfumato a causa del ritardo di Cozzolino, imbottigliato nel traffico cittadino e finale femminile in primo piano per almeno un’ora. L’ischitana Lanzetta veniva dalla vittoria di prestigio sulla Miccio in semifinale è siamo certi che diverrà a brevissimo un osso molto duro per tutte le ragazze del circuito. Maurizio Sarnella ne affinerà tecnica istinto del killer e allora prevalere sulla sua determinazione sarà impresa per poche. Antonella La Cava è in salute e lo si vede dalla velocità della palla, aumentata notevolmente e con margine alto di precisione. Anche qui c’è da segnalare il gran lavoro svolto all’Atheneo dal Tecnico Nazionale Luigi Esposito. Vittoria con doppio 6/2 per La Cava e tanti applausi anche alla Lanzetta. Finalmente alle 19 il Giudice Arbitro Pasquale Esposito può accompagnare in campo Cozzolino e Caparco e la finale maschile è servita. Uno spettacolo puro di eccezionale agonismo. Primo set a favore di Caparco, abile a sfruttare qualche errore di troppo dell’avversario. Il risveglio di Giovanni ha dato vita ad un secondo set molto equilibrato con break al nono game che sembrava decisivo a favorire il volatone di Caparco. Macchè, Cozzolino recupera e vince 7/5 e il terzo è storia di una battaglia punto a punto. Difficilmente chi non ha visto può credere o immaginare quanto abbia corso Caparco. Un mix di dinamismo, coordinazione e resistenza che gli avevano già consentito la sera prima di tenere testa ad Enrico Fioravante. Cozzolino però ha voluto con tutte le forze superarsi per centrare la settima vittoria stagionale, arrivata con il punteggio di 6/3. Tutto davvero bellissimo. “E’ stata forse la più bella e difficile battaglia dell’anno – racconta a ST Giovanni Cozzolino – devo fare grossi complimenti a Giuseppe, atleta davvero durissimo”. A fargli eco è stato poco dopo Caparco: “Sto giocando il miglior tennis della mia carriera, peccato non avercela fatta questa volta ma sono molto soddisfatto della settimana al Vanna”. Grazie infine ai dirigenti del Vanna per la solita disponibilità, quella che lo rende una grande famiglia. Gianmaria e Giancarlo Vigliotti sono rispettivamente presidente e vice, Simone Artina è il direttore sportivo, Lino Sorrentino, Marco Valletta e Antonio Di Gennaro li trovate tutti i giorni in campo con allievi di tutti i livelli. Il tennis che ci piace.

Ecco un pò di foto di giornata:

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *