SpazioTennis

INTERVISTA ESCLUSIVA ST A STEFANO BALDONI: “CHE SETTIMANA INCREDIBILE A PULA!”

Abbiamo avuto il piacere di sentire il 20enne perugino Stefano Baldoni (2.3 e 751 ATP), reduce dalla sua prima finale in un ITF da 25.000$ a Santa Margherita di Pula, cedendo a Raùl Brancaccio per 6-3 6-2.
Baldoni è stato capace di infilare nella giornata di sabato un doppio scalpo ai forti top 500 Germain Gigounon (6-4 3-6 7-5) e Alvaro Lopez San Martin (6-4 4-6 6-1), il belga è stato 185 nel 2015 e lo spagnolo era arrivato alla posizione n.349 prima che un infortunio ne bloccasse l’ascesa.
Stefano si allena allo Junior Tennis Club di Perugia con il maestro Roberto Tarpani e il Prep.Atletico Giovanni Lupatelli.

ST: Ciao Stefano, complimenti per la settimana appena conclusa, Hai raggiunto la tua prima finale a Livello Itf 25.000$, cosa significa per te questo risultato?

SB: Ciao Antonio, grazie innanzitutto per l’intervista!
Raggiungere la prima finale 25k è stata una cosa favolosa, era la prima volta che venivo in Sardegna e il livello lì è sempre molto alto, ero partito con l’idea di provare a passare le qualificazioni e magari ottenere 1 o 2 punti ATP, quindi passare uno o due turni al massimo, considerato il valore dei giocatori che erano iscritti al torneo.
Invece partita dopo partita ho iniziato ad acquistare sempre più fiducia, avversari che prima mi sembravano quasi impossibili da battere iniziavo a vederli alla mia portata, spero che questo risultato sia un punto di partenza per successi più grandi.

ST: Per chi non ti ha mai visto giocare descrivi che giocatore sei.

SB: Sono un giocatore che si sa difendere abbastanza bene e che quando è in giornata, sbaglia molto poco. Il mio colpo migliore è il rovescio, con il quale riesco a essere parecchio aggressivo e incisivo. Il dritto è un colpo un po’ più costruito ma comunque efficace. Prediligo i campi in terra rossa ma mi trovo bene anche sul cemento.

ST: Cosa ami fare lontano dal campo?

SB: Fuori dal campo mi piace usare il mio tempo libero per stare con la mia famiglia e uscire con gli amici, un po’ come tutti i miei coetanei. Questa è stata la prima stagione “vera” in cui ho giocato tornei internazionali e sono stato in giro parecchie settimane, quindi il tempo a casa si è ridotto e quando sono lì cerco di spenderlo nel migliore dei modi.

ST: Come hai appena detto questo è il tuo primo anno, anzi i primi mesi in cui ti affacci con continuità al tennis professionistico, come mai a 20 anni e non prima?

SB: Ho iniziato quest’anno perché prima non mi sentivo ancora pronto, fisicamente ero indietro rispetto ai ragazzi della mia età e tennisticamente non riuscivo a esprimere il mio vero potenziale in partita. Sono contento di quanto sono riuscito ad ottenere e poi com’è che si dice? Meglio tardi che mai!

ST: Come proseguirà la tua stagione? Che programmazione hai in mente?

SB: La mia stagione si è conclusa con quest’ultimo torneo, adesso dedicherò questi due mesi di novembre e dicembre per la preparazione invernale e per ricaricare le pile mentalmente.
Da Gennaio 2019 ricomincerò a giocare tornei internazionali cercando di confermare e migliorare il mio tennis.

ST: In bocca al lupo per il futuro, continua così!
Un saluto dalla redazione di Spaziotennis.it.

SB: Crepi e grazie mille ancora per l’intervista, un saluto a tutti!

Antonio Iannone

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *