SpazioTennis

IL FORUM DI ST, IL TENNIS CAMPANO HA ANCORA VOCE: ECCO LA PROPOSTA DELL’AVVOCATO GIANCARLO VIGLIOTTI

Abbiamo raccontato in un anno come il povero presidente Giovanni Improta abbia vanamente provato a tener botta alle ingerenze e alle arroganze dei due maestri (uno interno, più ancora l’altro esterno al Consiglio Regionale). Artefici del tracollo ma ancora in prima linea per determinare la successione in vista delle elezioni indette per il prossimo 6 maggio. Il maestro “esterno” ha provveduto telefonicamente a convocare i consiglieri individuati (chissà poi a quale titolo e con quale autorità…ma noi conosciamo bene tutte le dinamiche), per comunicare loro il nome della nuova presidentessa. Escludendo a priori il reale ricorso al voto, perchè si da per scontato che non ci saranno liste alternative. Noi siamo sognatori e speriamo invece il contrario. Che il voto possa esser finalmente libero e che nessuno debba più aver paura di esporsi, magari per esprimere semplicemente un parere o una linea funzionale all’interesse comune, pubblico. E non certo a quello privato.

Il segnale ci è arrivato oggi in redazione, con questa mail a firma dell’avvocato Giancarlo Vigliotti, presidente del Tennis Club Vanna. Si tratta di una semplice constatazione, ciò che tutti gli addetti ai lavori del tennis campano pensano ma che nessuno finora aveva avuto il coraggio di esprimere: almeno pubblicamente. Siamo contenti, se non altro per aver contribuito ad affrancare il movimento regionale, liberando la parola: anche quella repressa fino a qualche tempo fa da metodi di censura propri dei più anacronistici regimi dittatoriali.

Oggi la situazione è questa e finalmente qualcuno ci mette faccione e firma.

“Carissimi Presidenti,

prendo spunto dall’articolo pubblicato dal quotidiano “Il Roma” a firma di Silver Mele, che vede tutti noi gestori dei circoli napoletani pagare un carissimo prezzo in riferimento all’argomento che riflette lo spostamento del Comitato Regionale Campano dalla sede storica di Fuorigrotta alla nuova sede di Benevento.
Al di là del metodo che vede sempre più noi stessi gestori essere trattati come ultime ruote di un carro, carro questo che dovrebbe essere di tutti, ma che purtroppo non lo è più da un po’ di tempo, in quanto solo un semplice comunicato pubblicato sul sito del comitato il giorno prima avvisava gli affiliati del trasferimento in atto, senza nemmeno, dare una ben che minima quanto mai forse opportuna motivazione, il trasferimento ci vede oltremodo penalizzati per la quotidiana gestione che noi stessi abbiamo e che avevamo con un contatto diretto con il comitato stesso sito in Fuorigrotta.
Oggi più del 90% dei circoli napoletani affilati alla Federazione Italiana Tennis che, appunto, fa capo al Comitato Regionale Campano, è costretto anche per un semplice ritiro di una tessera a percorrere tra andata e ritorno oltre 100 Km con aggravio di costi e conseguente spreco di energie di maestri e/o collaboratori dei circoli stessi che vengono tolti dai campi per il quotidiano insegnamento del tennis per il disbrigo di semplici pratiche amministrative.
Nulla mi vogliano gli amici di Benevento ma credo che questo gesto sia la dimostrazione di un qualcosa che oramai non funziona più da un po’ di tempo.
Credo che anche le stesse sedi provinciali di Benevento, Salerno , Avellino e Caserta, vadano oltremodo difese ed aiutate per lo svolgimento delle quotidiane attività amministrative che ci vedono sempre più impegnati.
Pertanto chiedo a tutti i circoli campani, la possibilità di poterci, anche a confrontare per la risoluzione della problematica esposta e far si chè la casa di tutti noi, rappresentata dal Comitato Regionale Campano, torni a far sede a Napoli e che allo stesso tempo possano crearsi delle strutture, presso circoli ospitanti delle provincie per agevolare a loro volta le attività amministrative dei circoli delle province stesse”.

Giancarlo Vigliotti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *