SpazioTennis

ECCO IL TENNIS DI MARIANO TAMMARO, IL GIGANTE BUONO CHE NON HA PAURA DI SOGNARE…

Qualche mese fa, subito dopo aver brindato al successo prestigioso al Lemon Bowl, Mariano Tammaro era stato ospite dello studio di Tennis Review. In quell’occasione avevamo conosciuto questo ragazzone dal piglio deciso, simpatico ma all’occorrenza spigoloso e ostico, quando diviene necessario impattare la pallina con forza e precisione per spiazzare l’avversario di turno. Qualche giorno prima ci eravamo soffermati al Capodimonte a registrarne le movenze con la telecamera: Mariano è uno di quelli che si diverte da matti a giocare a tennis. Senza stress sebbene alla sua età conciliare la pratica sportiva agonistica allo studio non è cosa per tutti.

Ma questo ragazzone, una volta messo piede in campo, si libera di ogni pensiero e incomincia a cercare il punto, in allenamento come in partita, con lo stesso spirito che lo ha portato nel giro di pochi mesi a vincere tante partite in giro per l’Europa. E’ un tipo riservato Mariano, che non ama tanto la pubblicità sebbene la meriti tutta. Come Carlo Rombolà e gli altri ragazzi dello staff è uno di quelli che preferisce far parlare il campo. Alla fine dello scorso mese di aprile il calendario internazionale proponeva la tappa di Zagabria, un grade 2 nel Tennis Europe destinato agli under 14. Nello stesso periodo si giocavano al Vomero i campionati regionali di categoria ma la classifica nazionale di 3.1 consentiva già a Tammaro il pass per gli italiani under 14. Da qui la scelta di volare in Croazia con il maestro Rombolà. Accreditato della 12esima testa di serie Mariano ha stupito tutti per fluidità di colpi e solidità mentale, firmando il capolavoro nei quarti di finale. Aveva di fronte il top 5 europeo under 14 e padrone di casa Mili Poljicak ma questo di certo non bastava ad intimorirlo. Infatti con una prestazione monstre Tammaro l’ha spuntata in due set, regalandosi una semifinale dal sapore speciale. E il giorno dopo ha rischiato seriamente di ripetersi al cospetto del britannico Luca Pow, prima di cedere al terzo set. Avesse centrato il passaggio all’atto conclusivo Mariano avrebbe messo per la prima volta piede tra i migliori 100 under 14 del Continente ma siamo certi che questo appuntamento è soltanto rimandato. Mariano Tammaro, il gigante silenzioso che ama il tennis e che sogna di fare il giramondo della racchetta, è per tanti motivi uno che ci piace: continua a colpire forte la pallina e a divertirti Mariano, il resto verrà naturalmente.

CLICCA QUI PER VEDERE IL TABELLONE DEL TENNIS EUROPE DI ZAGABRIA 

Ecco la puntata di Tennis Review con Mariano Tammaro:

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *