SpazioTennis

CHALLENGER: TRUSENDI/VIOLA VINCONO IN DOPPIO, SORPRENDENTE BOURGUE

Settimana come al solito ricca di sorprese a livello Challenger, molti ottimi giocatori erano al via nei due appuntamenti di Cherbourg e Tempe.

A Cherbourg, Francia, il vincitore è stato a sorpresa il padrone di casa Mathias Bourgue (classe 1994), ai danni del mancino tedesco Maximilian Marterer, autore anch’egli di una grande settimana. Secondo titolo CH in carriera per Bourgue dopo Blois 2015 e ben 9 ITF vinti, in finale si è imposto per 6-3 7-6(3).

Semifinali per altri due transalpini, il veterano Julien Benneteau e Kenny de Schepper.
Eliminate al primo turno le prime due teste di serie, Jeremy Chardy ed Ilya Marchenko.

Secondo turno per Luca Vanni, eliminato proprio dal finalista Marterer, fuori all’esordio Lorenzo Giustino e Stefano Napolitano per mano di Norbert Gombos e Hugo Nys.

Spostandoci a Tempe, Stati Uniti, anche qui si tratta di un secondo titolo in carriera, stavolta per Tennys Sandgren, classe 1991.
Finale ritardata a lunedì per la pioggia in cui ha sconfitto il serbo ventunenne Nikola Milojevic, autore di eliminazioni eccellenti nel corso del torneo.

In semifinale si sono fermati la settima e la sesta testa di serie, Dennis Novikov e Teimuraz Gabashvili, si sono spinti soltanto fino ai quarti di finale i primi due del seeding: Ernesto Escobedo e Stefan Kozlov.

Unico azzurro al via Salvatore Caruso, sconfitto al secondo turno proprio dal n.1 Escobedo.

Grande ed inatteso successo in doppio della coppia composta da Walter Trusendi e Matteo Viola, che hanno conquistato il titolo partendo dalle qualificazioni ed inanellando ben 6 successi di fila, in finale hanno superato Arevalo/Hernandez per 5-7 6-2 12-10 annullando un matchpoint in risposta al super tiebreak.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *