SpazioTennis

CHALLENGER RECANATI: PRIMO TITOLO IN CARRIERA PER VIKTOR GALOVIC

Stasera si è disputata una finale che nessuno si sarebbe aspettato in questa edizione del Guzzini Challenger di Recanati, andata in scena questa sera alle 21:00 nel campo centrale del Circolo Tennis Francesco Guzzini tra Viktor Galovic e Mirza Basic.

Nella semifinale di ieri il croato ha vinto con un doppio 63 su un Salvatore Caruso che non è mai riuscito ad entrare in partita.
Galovic è riuscito a mettere a segno ben 11 aces, è stato indubbiamente il miglior giocatore di questo torneo: è entrato nel tabellone principale passando per le qualificazioni e ha eliminato in fila: Edoardo Eremin, Andrea Vavassori, il numero due del seeding Quentin Halys, Salvatore Caruso ed infine Mirza Basic.

Finita in semifinale anche l’avventura di Luca Vanni, l’aretino, che nelle due precedenti occasioni aveva sempre vinto su Basic, non è riuscito a ripetersi nonostante due matchpoint a favore. Poco da recriminare tuttavia in un incontro in cui ha dato il massimo cedendo solo per 6-7 7-6 7-6 in notte inoltrata.

Dunque Viktor Galovic e Mirza Basic si sono contesi la finale del singolare del torneo con montepremi complessivo di €43.000.
L’ha spuntata Galovic per 7-6 6-4 in una finale tesa e tirata fino all’ultimo punto, sul matchpoint si è vista tutta la sua gioia per la conquista del suo primo titolo Challenger.

Ottima prova di carattere del croato che ormai da tanti anni vive nel nostro Paese e sembra aver trovato finalmente la continuità alla soglia dei 27 anni. “Quest’anno – ha detto a Supertennis – sono riuscito a preparami bene, ho trovato persone che hanno voluto investire su di me e sto cercando di ripagare la loro fiducia. In questo torneo sono cresciuto sia tecnicamente che mentalmente, è logico che le vittorie danno morale e quindi poi diventa tutto più semplice”.

Passando al doppio, ottime prove di Julian Ocleppo e Andrea Vavassori, giunti secondi, superati solo per 12-10 al super tiebreak che sostituisce il terzo set dai francesi Jonathan Eysseric e Quentin Halys, più esperti e più in alto nel ranking degli azzurri.

Azzurri che hanno sconfitto nel loro cammino coppie collaudate di doppio, tutt’altro che semplici da affrontare e le hanno battute mostrando un grande affiatamento e scelte tattiche sempre giuste.
I due continueranno la loro crescita con una serie di Futures in Egitto, sperando che possano ottenere risultati di rilievo anche in singolare.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *