SpazioTennis

BERNARD TOMIC: “MI SONO SCOCCIATO DI GIOCARE A TENNIS, TROFEO O PRIMO TURNO È UGUALE!”

Eliminato all’esordio nella scorsa giornata da Mischa Zverev (6-4 6-3 6-4), Bernard Tomic, numero 59 della classifica mondiale, ha rilasciato delle dichiarazioni a dir poco sconcertanti durante la rituale conferenza stampa post gara.

Il tennista aussie ha esordito così ai microfoni dei giornalisti: 

“Non so perché ma mentre ero in campo mi sentivo un po’ come se mi fossi scocciato di giocare a tennis…”

Ad un giornalista che gli ha proposto la restituzione del montepremi del R1, l’australiano ha ribattuto:

“Beh, se chiedi a Federer di restituire 500 milioni di dollari, lo farebbe oppure no?”Alla fine lavoriamo tutti per i soldi. A 34 anni magari li darò in beneficenza. Se lo farà Roger lo farò anch’io! Sì, se lo faranno Roger, Novak e tutti loro lo farò anch’io, nessun problema.”

Assenza di motivazioni: “È dura per me, ho 24 anni, sono venuto sul circuito a 16/17. Sono stato in giro un sacco di tempo e mi sento molto vecchio, anche se non lo sono. È il mio ottavo Wimbledon o il nono, è dura trovare delle motivazioni… sul campo non riuscivo proprio a trovarle.”

Tomic come Kyrgios:Ho ancora 10 anni davanti, si dovrebbe rispettare lo sport ma io non lo rispetto abbastanza. Tutti questi anni mi hanno fatto pagare dazio… per me oggi vincere un torneo, giocare bene non mi soddisfa più… Non me ne potrebbe fregare di meno se perdo al primo turno o raggiungo gli ottavi all’US Open. È tutto uguale. So solo che posso giocare 10 anni e dopo questa carriera non dovrò più lavorare. Penso che per Nick [Kyrgios, ndr] sia la stessa cosa… noi siamo giocatori diversi.”

Sulla sua prestazione contro M. Zverev: “A volte ho voglia di lavorare, altre no. Certe volte gioco bene e batto giocatori buoni… sono arrivato fra i primi 20 a 19 anni e a 20, mi divertivo, ma ora è un saliscendi, ora su e ora giù. Mi sento un po’ in colpa per oggi, forse avrei potuto giocare 4 o 5 set, ma lui giocava bene e io in modo orribile… non riuscivo a trovare il mio ritmo partita”.

  

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *